Il coniglio magico e il “book hacking” a portata di mano - Mariano Tomatis


Mariano Tomatis, 20 febbraio 2015

Il coniglio magico e il “book hacking” a portata di mano

Il mio La magia dei libri (Editrice Bibliografica, Milano 2015) è dedicato al book hacking — l’arte di “manomettere” i libri per sprigionare poteri magici. La manomissione più semplice che si possa concepire coinvolge un minuscolo taglio orizzontale su una pagina: la propongono David Wood e Richard Fowler nel loro Funny Bunny’s Magic Show (Transworld Publishers, Londra 2000).

Ci sono due case: quella a sinistra ha i pois rossi, l’altra è ricoperta di strisce blu. Alla base della casa rossa c’è un taglio, attraverso il quale il lettore infila la sagoma di un coniglio (a doppia faccia: sul retro compare la stessa immagine).

Così facendo l’animale sparisce nell’abitazione di sinistra, dicendo al lettore:

Gira la pagina — ma non dimenticare in quale casa sono entrato...

Sulla pagina successiva le stesse case sono riprodotte su due linguette, ma i lettori più giovani non si accorgono che — trattandosi del retro del foglio — ora il coniglio si trova a destra.

Aspettandosi di trovarlo nella casa a pois, il lettore abbassa la corrispondente linguetta, ma — sorpresa! — l’animale è sparito!

Il coniglio riappare misteriosamente nella casa a strisce blu, dando l’impressione di essere passato invisibilmente da una all’altra.

Creando stupore attraverso (1) un taglio e (2) l’illusivo principio di inversione destra-sinistra legato al gesto di voltare pagina, il gioco è un perfetto esempio di book hacking: la sua semplice realizzazione ne fa un’idea perfetta per trascorrere un weekend piovoso tra forbici e pennarelli colorati.

Tutto il materiale di questo sito è distribuito con Licenza Creative Commons BY-NC-SA 4.0