Biblioteca Magica del Popolo


Otto secoli di libri di magia ad accesso libero.
2616 documenti da leggere e scaricare.

Cerca un documento

Sostieni la Biblioteca!

Scovare nuovi libri, catalogarli e commentarli per consentirti di accedervi gratuitamente richiede un enorme impegno. Se vuoi sostenere questo progetto, considera l’idea di fare una donazione di qualunque importo usando questo pulsante:

1-6 di 6 documenti pubblicati nel 1832
Robert Cross SMITH

The familiar astrologer

John Bennett, London 1832.

Libro di sorte geomantico di Robert Cross Smith, scritto sotto lo pseudonimo di Raphael.

Francis MOORE

Vox Stellarum or A Loyal Almanack for the year of human redemption 1832

Company of Stationers, London 1832.

Almanacco astrologico inglese del 1832.

The Phrenological Journal and Miscellany

Vol. 8, Oliver & Boyd, Edinburgh 1832.
David BREWSTER

Letters on Natural Magic

Harper & brothers, New York 1842 (I ed. 1832).

Poderosa collezione di prodigi naturali e meraviglie tecnologiche, l'opera mira a illuminare il lato magico della realtÓ facendo a meno di ipotesi sovrannaturali. Lo stile della scrittura Ŕ curioso, trattandosi di una raccolta inviate dall'autore a Sir Walter Scott. Un lavoro di ricostruzione storica impressionante per l'originale impostazione che oggi definiremmo "materialismo magico". Tra i molti temi trattati ci sono gli ectoplasmi prodotti dall'illusione ottica nota come "Spettro di Broken", l'automa a forma di Turco che giocava a scacchi, i "ritratti magici" realizzati per dare l'impressione che muovano gli occhi. La Lettera IV, dedicata all'uso di principi scientifici a fini di impostura, analizza le tecniche con cui storicamente gli specchi sono stati sfruttati per creare esperienze magiche.

David BREWSTER

Letters on natural magic

Harper & Brothers, New York 1843 (I ed. 1832).

Poderosa collezione di prodigi naturali e meraviglie tecnologiche, l'opera mira a illuminare il lato magico della realtÓ facendo a meno di ipotesi sovrannaturali. Lo stile della scrittura Ŕ curioso, trattandosi di una raccolta inviate dall'autore a Sir Walter Scott. Un lavoro di ricostruzione storica impressionante per l'originale impostazione che oggi definiremmo "materialismo magico". Tra i molti temi trattati ci sono gli ectoplasmi prodotti dall'illusione ottica nota come "Spettro di Broken", l'automa a forma di Turco che giocava a scacchi, i "ritratti magici" realizzati per dare l'impressione che muovano gli occhi. La Lettera IV, dedicata all'uso di principi scientifici a fini di impostura, analizza le tecniche con cui storicamente gli specchi sono stati sfruttati per creare esperienze magiche.

David BREWSTER

Letters on natural magic

Chatto & Windus, Piccadilly, London 1883 (I ed. 1832).

Poderosa collezione di prodigi naturali e meraviglie tecnologiche, l'opera mira a illuminare il lato magico della realtÓ facendo a meno di ipotesi sovrannaturali. Lo stile della scrittura Ŕ curioso, trattandosi di una raccolta inviate dall'autore a Sir Walter Scott. Un lavoro di ricostruzione storica impressionante per l'originale impostazione che oggi definiremmo "materialismo magico". Tra i molti temi trattati ci sono gli ectoplasmi prodotti dall'illusione ottica nota come "Spettro di Broken", l'automa a forma di Turco che giocava a scacchi, i "ritratti magici" realizzati per dare l'impressione che muovano gli occhi. La Lettera IV, dedicata all'uso di principi scientifici a fini di impostura, analizza le tecniche con cui storicamente gli specchi sono stati sfruttati per creare esperienze magiche.

1-6 di 6 documenti pubblicati nel 1832