Biblioteca Magica del Popolo


Otto secoli di libri di magia ad accesso libero.
2757 documenti da leggere e scaricare.

Cerca un documento

Sostieni la Biblioteca!

Scovare nuovi libri, catalogarli e commentarli per consentirti di accedervi gratuitamente richiede un enorme impegno. Se vuoi sostenere questo progetto, considera l’idea di fare una donazione di qualunque importo usando questo pulsante:

1-7 di 7 documenti pubblicati nel 1832
Robert Cross SMITH

The familiar astrologer

John Bennett, London 1832.

Libro di sorte geomantico di Robert Cross Smith, scritto sotto lo pseudonimo di Raphael.

Bartolomeo BOSCO e Henri BACHIMONT

Bartolomeo Bosco: lettres, contrat et attestations de paiement

1832.

Dossier di sette documenti autografi di Bartolomeo Bosco tratti dalla collezione di Henri Bachimont.

Francis MOORE

Vox Stellarum or A Loyal Almanack for the year of human redemption 1832

Company of Stationers, London 1832.

Almanacco astrologico inglese del 1832.

The Phrenological Journal and Miscellany

Vol. 8, Oliver & Boyd, Edinburgh 1832.
David BREWSTER

Letters on Natural Magic

Harper & brothers, New York 1842 (I ed. 1832).

Poderosa collezione di prodigi naturali e meraviglie tecnologiche, l'opera mira a illuminare il lato magico della realtÓ facendo a meno di ipotesi sovrannaturali. Lo stile della scrittura Ŕ curioso, trattandosi di una raccolta inviate dall'autore a Sir Walter Scott. Un lavoro di ricostruzione storica impressionante per l'originale impostazione che oggi definiremmo "materialismo magico". Tra i molti temi trattati ci sono gli ectoplasmi prodotti dall'illusione ottica nota come "Spettro di Broken", l'automa a forma di Turco che giocava a scacchi, i "ritratti magici" realizzati per dare l'impressione che muovano gli occhi. La Lettera IV, dedicata all'uso di principi scientifici a fini di impostura, analizza le tecniche con cui storicamente gli specchi sono stati sfruttati per creare esperienze magiche.

David BREWSTER

Letters on natural magic

Harper & Brothers, New York 1843 (I ed. 1832).

Poderosa collezione di prodigi naturali e meraviglie tecnologiche, l'opera mira a illuminare il lato magico della realtÓ facendo a meno di ipotesi sovrannaturali. Lo stile della scrittura Ŕ curioso, trattandosi di una raccolta inviate dall'autore a Sir Walter Scott. Un lavoro di ricostruzione storica impressionante per l'originale impostazione che oggi definiremmo "materialismo magico". Tra i molti temi trattati ci sono gli ectoplasmi prodotti dall'illusione ottica nota come "Spettro di Broken", l'automa a forma di Turco che giocava a scacchi, i "ritratti magici" realizzati per dare l'impressione che muovano gli occhi. La Lettera IV, dedicata all'uso di principi scientifici a fini di impostura, analizza le tecniche con cui storicamente gli specchi sono stati sfruttati per creare esperienze magiche.

David BREWSTER

Letters on natural magic

Chatto & Windus, Piccadilly, London 1883 (I ed. 1832).

Poderosa collezione di prodigi naturali e meraviglie tecnologiche, l'opera mira a illuminare il lato magico della realtÓ facendo a meno di ipotesi sovrannaturali. Lo stile della scrittura Ŕ curioso, trattandosi di una raccolta inviate dall'autore a Sir Walter Scott. Un lavoro di ricostruzione storica impressionante per l'originale impostazione che oggi definiremmo "materialismo magico". Tra i molti temi trattati ci sono gli ectoplasmi prodotti dall'illusione ottica nota come "Spettro di Broken", l'automa a forma di Turco che giocava a scacchi, i "ritratti magici" realizzati per dare l'impressione che muovano gli occhi. La Lettera IV, dedicata all'uso di principi scientifici a fini di impostura, analizza le tecniche con cui storicamente gli specchi sono stati sfruttati per creare esperienze magiche.

1-7 di 7 documenti pubblicati nel 1832