Biblioteca Magica del Popolo


Otto secoli di libri di magia ad accesso libero.
2623 documenti da leggere e scaricare.

Cerca un documento

Sostieni la Biblioteca!

Scovare nuovi libri, catalogarli e commentarli per consentirti di accedervi gratuitamente richiede un enorme impegno. Se vuoi sostenere questo progetto, considera l’idea di fare una donazione di qualunque importo usando questo pulsante:

1-10 di 273 documenti nella categoria “Illusionismo”
Paul VERGNAUD

Manuel des jeunes gens ou Sciences, arts et récréations qui leur conviennent, et dont ils peuvent s'occuper avec agrément et utilité

Vol. 2, Roret, Paris.
Alessio PIEMONTESE

La seconda parte de' secreti del reverendo donno Alessio Piemontese

Bartolomeo Cesano, Pesaro 1559.
Jean PRÉVOST

La Première partie des subtiles et plaisantes inventions comprenant plusieurs jeux de récréation et traicts de soupplesse, par le discours desquels les impostures des bateleurs sont descouvertes

Antoine Bastide, Lyon 1584.

Primo libro di illusionismo in lingua francese, è una raccolta finemente illustrata di giochi di prestigio, esperimenti di fisica dilettevole e scommesse. A p. 56 descrive il metodo per realizzare un libro magico che si presenta diverso quando viene sfogliato in maniera opportuna ("Blow Book"). A p. 50 suggerisce - come scherzo particolarmente grottesco - di mettere una candela sul dorso di una tartaruga e abbandonarla di notte in un cimitero.

Giovanni Battista DELLA PORTA

Magiae naturalis sive de miraculis rerum naturalium

Andrea Wecheli heredes, Frankfurt 1591 (I ed. 1584).

Ampia collezione di metodi naturali per produrre effetti apparentemente magici a firma del filosofo, alchimista, commediografo e scienziato italiano Giovanni Battista Della Porta (1535-1615). Del testo è disponibile anche la traduzione inglese.

Jean LEURECHON, Denis HENRION e Henry VAN ETTEN

Récréation mathématique

Claude Rigaud et Claude Obert, Lyon 1627.

Raccolta illustrata di indovinelli, scommesse e ricreazioni fisiche. Il primo capitolo si intitola "Indovinare il numero pensato da qualcuno". In polemica con le sue pagine, dodici anni dopo uscirà l'Examen du livre des Recreations mathematiques (1639) di Claude Mydorge.

Henry VAN ETTEN

Mathematicall recreations or a collection of sundrie problemes extracted out of the ancient and moderne philosophers

T. Cotes, London 1633.

Traduzione inglese di una raccolta francese di ricreazioni matematiche. La sua attribuzione è stata oggetto di una tesi di laurea di Albrecht Heeffer: "Récréations Mathématiques" (1624). A Study on its Authorship, Sources and Influence, Ghent University, Ghent, 2004.

John BATE

The Mistery of Art And Nature

Thomas Harper for Ralf Mabb, London 1634.

Curioso e variegato libro diviso in quattro sezioni dedicate rispettivamente ai macchinari idraulici, ai fuochi artificiali, alle tecniche di disegno e a varie stravaganze fisico-chimiche. Quest'ultima è una miscellanea di fisica e chimica ricreativa e contiene ricette ed esperimenti utili e curiosi. Il libro ha una certa rilevanza per i punti in comune con il pamphlet The anatomie of legerdemain pubblicato da tale Hocus Pocus Junior, con cui condivide editore, committente, anni di pubblicazione delle prime due edizioni (1634 e 1635) e una identica impostazione tipografica e lessicale.

Daniel SCHWENTER

Deliciae Physico-mathematicae oder Mathematische und Philosophische Erquickstunden

Vol. 1, Verlegung Jeremiae Dümlers, Nürnberg 1636.

Trattato tedesco di giochi di prestigio ed esperimenti di fisica dilettevole. A p. 523 descrive il metodo per realizzare un libro magico che si presenta diverso quando viene sfogliato in maniera opportuna ("Blow Book"). A p. 227 descrive l'ipnosi di una gallina grazie a una riga di gesso tracciata sul pavimento.

HOCUS POCUS JUNIOR

The anatomie of legerdemain

I.D. for R.M., London 1638 (I ed. 1634).

Terza edizione del primo libro inglese interamente dedicato all'illusionismo. Pubblicato a Londra, conteneva la descrizione di numerosi effetti magici - tra cui il gioco dei tre bussolotti. Il vero "Hocus Pocus" era un illusionista londinese chiamato William Vincent che si esibiva presso la locale fiera di San Bartolomeo. La firma "Hocus Pocus Junior" era probabilmente un riferimento ironico a Vincent, e il libro veniva venduto presso la stessa fiera. Il titolo effettivo del libro era "Anatomia della prestigiazione", e tra gli effetti magici descritti spiccavano alcune vere e proprie perle, ancora in uso nei teatri contemporanei. Al capitolo intitolato "Come capire se una moneta lanciata in aria sia testa o croce dal suono che produce" il libro descriveva un effetto di mentalismo la cui narrativa teatrale suonerebbe ancora oggi verosimile. E' disponibile anche la seconda edizione (1635).

Daniel SCHWENTER

Deliciae Physico-mathematicae oder Mathematische und Philosophische Erquickstunden

Vol. 2, Verlegung Jeremiae Dümlers, Nürnberg 1651.
1-10 di 273 documenti nella categoria “Illusionismo”