Biblioteca Magica del Popolo


Otto secoli di libri di magia ad accesso libero.
2056 documenti da leggere e scaricare.

Cerca un documento

Sostieni la Biblioteca!

Scovare nuovi libri, catalogarli e commentarli per consentirti di accedervi gratuitamente richiede un enorme impegno. Se vuoi sostenere questo progetto, considera l’idea di fare una donazione di qualunque importo usando questo pulsante:

1-10 di 15 documenti in latino
Venerabile BEDA

De Arithmeticis Propositionibus

Manoscritto con la prima descrizione di un effetto di mentalismo della storia.

“Pronosticon Socratis Basilei”

Digby MS 46 1375.

Manoscritto Digby 46 contenente svariati libri di sorte tra cui il Pronosticon Socratis Basilei attribuito al filosofo Socrate. La sua struttura č ricostruita in Lynn THORNDIKE, A history of magic and experimental science, Vol. 2, Columbia University Press, New York, 1923.

Bernardus SILVESTRIS e Bernardo SILVESTRO

“Experimentarius”

Harley MS 3892 1454, pp. 43r-58v.

Manoscritto Harley 3892 contenente il libro di sorte Experimentarius di Bernardo Silvestro da Tours. La sua storia č ricostruita in Lynn THORNDIKE, A history of magic and experimental science, Vol. 2, Columbia University Press, New York, 1923.

Federicus CHRYSOGONUS

De modo collegiandi, pronosticandi, et curandi febres, nec non de humana felicitate ac denique de fluxu maris lucubrationes

Venezia 1528.

Libro di medicina astrologica, presenta in chiusura un disco rotante, fissato al centro della pagina attraverso un perno - anche detto volvella - utile per calcolare l'altezza delle mareee in un qualsiasi giorno dell'anno.

Petrus APIAN

Astronomicum Caesareum

Ingolstadt 1540.

Atlante astronomico che č anche un vero e proprio computer analogico: ventuno dischi circolari erano liberi di girare intorno a un perno al centro di altrettante pagine; facendoli ruotare, il lettore poteva individuare le posizioni dei pianeti in momenti diversi dell'anno, calcolare in anticipo quando si sarebbero verificati allineamenti tra corpi celesti, ecc.

Gerolamo CARDANO

De Subtilitate

Vol. 21, Ex officina Michaelis Fezandat et Roberti Grandino, Paris 1550.

In apertura del capitolo 18 (p. 287r) di questo trattato Girolamo Cardano cita i prodigi di un prestigiatore spagnolo ("Hispani Praestigiatoris") senza nominarlo. Solo nell'edizione 1554 rivelerą chiamarsi Daumatum. Tra le magie di costui compare, tra l'altro, il libro magico in grado di mostrare - se sfogliato opportunamente - figure sempre diverse ("Blow Book"): "Formas varias in uno eodemque libello ostendunt." Daumatum verrą citato nel 1613 da Tomaso Garzoni ne Il serraglio de gli stupori del mondo (1613). Daumatum potrebbe essere il Dalmao citato da Pietro Aretino ne Le carte parlanti (1650).

Gerolamo CARDANO

De Subtilitate

Vol. 21, Luduvicum Lucium, Basel 1554 (I ed. 1550).

In apertura del capitolo 18 (p. 494) di questo trattato Girolamo Cardano cita i prodigi del prestigiatore spagnolo Daumatum ("Daumati Hispani Praestigiatoris"). Nella prima edizione (1550) lo aveva citato senza farne il nome. Dello stesso illusionista scriverą nel 1613 Tomaso Garzoni ne Il serraglio de gli stupori del mondo (1613). Daumatum potrebbe essere il Dalmao citato da Pietro Aretino ne Le carte parlanti (1650).

Giovanni Battista DELLA PORTA

Magiae naturalis sive de miraculis rerum naturalium

Andrea Wecheli heredes, Frankfurt 1591 (I ed. 1584).

Ampia collezione di metodi naturali per produrre effetti apparentemente magici a firma del filosofo, alchimista, commediografo e scienziato italiano Giovanni Battista Della Porta (1535-1615). Del testo č disponibile anche la traduzione inglese.

Franēois D'AGUILLON

Opticorum libri sex

Ex officina Plantiniana, Antwerpen 1613.

Il trattato di ottica che a p. 47 descrive un'elaborata truffa da parte di ciarlatani che mettevano in contatto con l'aldilą sfruttando una camera oscura.

LUCIANO DI SAMOSATA

“Alexander seu pseudomantis”

Johannes Theophilus Lehmann, Luciani Samosatensis philosophi opera omnia quae extant, P. Ludovicum Feburier Paris 1615, pp. 473-498.

Edizione latina del libro in cui Luciano di Samosata racconta la rocambolesca vita di Alessandro di Abonotico, il falso profeta che usava tecniche illusionistiche per alimentare il culto del dio Glicone e accrescere il proprio carisma agli occhi dei fedeli. Quello di Luciano č il dettagliato resoconto di un'antica "macchina mitologica" e dei sotterfugi utilizzati per simulare doti sovrannaturali. Vedi, a questo proposito, la sua descrizione di un serpente che parla.

1-10 di 15 documenti in latino