MARIANO TOMATIS

WONDER INJECTOR

Scrittore e illusionista
Mariano illumina le
meraviglie sul confine
tra Scienza e Mistero.

In libreria e in ebook

E-MAIL

mariano.tomatis@gmail.com

TWITTER

@marianotomatis

RSS

blog_of_wonders

ARCHIVIO

 2014 (79)

 2013 (89)

 2012 (55)

 2011 (59)

 2010 (58)

VEDI TUTTI I 340 POST

“Martin Gardner e il 2012” al G4G italiano

Pubblicato mercoledý 20 ottobre 2010 • Scritto da Mariano Tomatis • Permalink

In occasione del 96░ anniversario dalla nascita di Martin Gardner, e in contemporanea in tutto il mondo, la Fondazione Gathering for Gardner e Archimedes’ Lab organizzano per giovedì 21 ottobre 2010 dalle ore 20 alle 2 una serata evento a Genova presso Piccolo Mondo (via Ravecca 16r): “Martin Gardner — Elogio della mente”

Alle 22.30 curerò un laboratorio matemagico interattivo intitolato “Martin Gardner e il 2012”.

Sulla serata ha scritto Liguria2000. Qui di seguito, la presentazione del mio laboratorio.

La mitologia del 2012 sfrutta meccanismi ben noti a chi pratica l’arte dell’inganno. Profeti di sventura, documentaristi e conduttori televisivi mescolano senza scrupoli realtà e leggenda, scienza e pseudoscienza, fatti veri e fantasie.

A cotanti anatemi, Michail Bakunin avrebbe suggerito di replicare con uno sghignazzo. È con questo spirito eversivo che Mariano Tomatis ha scritto il suo 2012 È in gioco la fine del mondo (Iacobelli, 2010): un potente (e divertito) antidoto alla paura, che presenta una rigorosa indagine storica, sotto l’aspetto di una antologia di giochi di prestigio. I capitoli a carattere storico si alternano, infatti, a una serie di scherzi magici interattivi, offerti per il diletto di chi vuole prendersi gioco dei profeti apocalittici. Attraverso questi piccoli rituali, il lettore può scoprire (con orrore!) che il mondo finirà davvero nel 2012.

Nel corso di questa lecture, Mariano approfondirà i curiosi principi logici e matematici alla base dei giochi pubblicati sul libro, proponendo un vero e proprio “laboratorio magico” durante il quale scambiarsi idee, proporre evoluzioni degli effetti e tracciare percorsi per future ricerche.

Potrebbero interessarti anche:

Le traiettorie dei dischi volanti — 1

Complotti e schegge impazzite nel libro di Massimo Polidoro

Socrate, la meraviglia e l’amore per il sapere

Si può twittare dopo la morte?