MARIANO TOMATIS

WONDER INJECTOR

Scrittore e illusionista
Mariano illumina le
meraviglie sul confine
tra Scienza e Mistero.

In libreria e in ebook

E-MAIL

mariano.tomatis@gmail.com

TWITTER

@marianotomatis

RSS

blog_of_wonders

ARCHIVIO

2015 (81)

2014 (168)

2013 (89)

2012 (54)

2011 (59)

2010 (55)

VEDI TUTTI I 506 POST

CALENDARIO

Luglio 2015
LuMaMeGiVeSaDo
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Licenza Creative Commons
Tutti i post sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Sprigionare Meraviglia bucando le pagine di un libro

Pubblicato mercoledì 29 luglio 2015 • Scritto da Mariano Tomatis

Tra i tanti modi con cui si può “manomettere” un libro, ritagliare alcune porzioni dalle pagine può avere risvolti curiosi.

Le Malizie manuali (1990) di Silver Burton e Jeremy Bennett (1) invitano il lettore a “completare” i fori utilizzando la propria mano in diverse posizioni.

La pratica di usare le mani per simulare caratteristiche anatomiche di soggetti ritratti su cartoline o fotografie si chiama furtling: spesso associata all’epoca vittoriana, in realtà non c’è traccia storica di un suo uso prima del lavoro di Burton e Bennett nel 1989. Puoi scaricare da qui una finta illustrazione d’epoca da stampare e ritagliare per sperimentare il furtling di persona.

In Giappone si ispira alla grafica dei manga. La pratica si può adattare ai biglietti da visita; ecco un esempio di furtling sul biglietto di un personal trainer e insegnante di yoga:

Il prolifico artista genovese Gianni Sarcone mi segnala l’opera di Shamekh Bluwi; lo stilista giordano rimuove dai suoi sketch femminili alcune porzioni di vestito e fotografa i disegni sugli sfondi più variegati: foglie degli alberi, paesaggi ed elementi architettonici diventano le affascinanti texture degli abiti.

Bluwi ha una pagina su Instagram dove invita i visitatori a scaricare e ritagliare i suoi disegni per poi fotografarli sugli sfondi più originali. Mettiti alla prova scaricando questa sua immagine.

Nel 1970 il designer milanese Bruno Munari pubblicò una raccolta di 25 tavole intitolata “Guardiamoci negli occhi”. (2) Su ogni pagina è disegnato un viso stilizzato con alcuni fori per gli occhi e la bocca e l’artista invita a mescolarli per ottenere combinazioni diverse. Non a caso i buchi hanno dimensioni differenti; l’artista spiega che

solo chi ha una apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo e può dare al prossimo una informazione tale da allargargli il suo campo visivo. Mescolate i disegni, cambiate i colori degli occhi, abituiamoci a guardare il mondo con gli occhi degli altri.

_________________

(1) Silver Burton e Jeremy Bennett, Malizie manuali, Rizzoli, Milano 1990. Silver Burton e Jeremy Bennett, The Naughty Victorian Hand Book: The Rediscovered Art of Erotic Hand Manipulation, 1989.

(2) Bruno Munari, Guardiamoci negli occhi, Giorgio Lucini, Milano 1970.

Altri post sullo stesso argomento:

L’arte segreta del book hacking a New York dal 13 al 27 marzo

Il coniglio magico e il “book hacking” a portata di mano

Le sei norme del Book Hacking

“La magia dei libri” tra qualche giorno in libreria

La magia dei libri 1x01 — Flick Book

L’oracolo di Napoleone: il mio laboratorio magico a Roma

L’arte del book hacking a New York: mostra e lecture show

Magie di New York sotto la superficie

“Magic Books” a New York: appunti di viaggio

Online testi e immagini della lecture show “Magic Books”

È in libreria “La magia dei libri”

L’ombra del coniglio sul muro e il mio laboratorio magico

Che cos’è un Laboratorio Magico?

Magia e letteratura. “La magia dei libri” a Fahrenheit

L’oracolo di Napoleone. Il laboratorio magico di Mariano Tomatis

"La magia dei libri" al circolo Blink di Dronero

Mariano Tomatis e Wu Ming insieme per "Hack & Punk"

Online l'audio della lecture show "Magic Show" a New York

Il pescatore che si trasformò in un libro

M.C. Escher e i libri da colorare manomessi

Potrebbero interessarti anche:

"La magia dei libri" a Rimini per "Mare di libri"

L’ho segata in due perché l’amavo?

Tutorial non convenzionali: i magici auguri di Luca Bono

Regala a un amic* l’esperienza “Ehi, ma... sono io!”

← M.C. Escher e i libri da colorare ma…