MARIANO TOMATIS

WONDER INJECTOR

Scrittore e illusionista
Mariano illumina le
meraviglie sul confine
tra Scienza e Mistero.

In libreria e in ebook

E-MAIL

mariano.tomatis@gmail.com

TWITTER

@marianotomatis

RSS

blog_of_wonders

ARCHIVIO

2015 (80)

2014 (168)

2013 (89)

2012 (54)

2011 (59)

2010 (55)

VEDI TUTTI I 505 POST

CALENDARIO

Luglio 2015
LuMaMeGiVeSaDo
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Licenza Creative Commons
Tutti i post sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

M.C. Escher e i libri da colorare manomessi

Pubblicato lunedì 27 luglio 2015 • Scritto da Mariano Tomatis

Da bambino, quando capii che stampare in quadricromia costava molto, iniziai a guardare con sospetto i libri da colorare: perché dovevo essere io a tingerne le aree con i pennarelli? Il tutto puzzava di sfruttamento di lavoro minorile. Dopo tanti anni, ho finalmente trovato un libro da colorare “onesto”. Presenta illustrazioni come questa:

Qui lo scambio è equo: impossibili da colorare in modo sensato, le immagini costringono i piccoli a interrogarsi in modi non banali sulla natura del disegno, offrendo loro una condizione di scacco intellettuale particolarmente frustrante. L’edizione perfetta dovrebbe essere composta da un secondo volume, che presenta apparentemente le stesse immagini – ma senza alcun meccanismo paradossale. «Vai a dormire, vedrai che domani ci riuscirai!» potrebbe dire un genitore per rassicurare il piccolo, vanamente impegnato a districare l’impossibile matassa; sostituendo in segreto un libro con l’altro, il giorno successivo lo stesso disegno diventerebbe colorabile con facilità.

L’immagine impossibile (a sinistra) a confronto con quella colorabile (a destra).

Potrebbero interessarti anche:

I mosaici dello street artist Invader a Ravenna

Il marchio di Satana fai-da-te

La copertina di “L’arte di stupire”

Un mago a “La Repubblica delle Idee”

← Bizzarro Bazar, dove il macabro è ma…