Allegato al numero odierno di Internazionale c’è il calendario 2017 illustrato da Angelo Monne.

Senza giri di parole, confesso che Angelo è il mio graphic designer preferito. Alle sue “metafore insolite” ho già dedicato un post in inglese. L’artista sardo è straordinario nel proporre accostamenti inaspettati e celebrare dettagli minimi: ogni sua opera altera la realtà lungo direzioni sorprendenti e propone punti di vista stranianti, che sfidano gli sguardi imposti dall’alto, pur evitando ogni deriva retorica. Da sole, le sue tonalità desaturate e la sottile malinconia di cui sono infuse sono una critica ai chiassosi e multicromatici richiami del Mercato.

Due delle sue illustrazioni decorano lo studio in cui mi trovo: entrambe giocano sul delicato confine tra scienza e magia e sono state realizzate per altrettanti articoli pubblicati su Internazionale.

La prima illustrava un pezzo sulla cattiva scienza tratto dall’Economist (Internazionale 1045, 4 aprile 2014).

La seconda, alcuni studi clinici “col trucco” (Internazionale 1147, 1 aprile 2016).

Angelo ha anche realizzato il manifesto della mia mostra “Magic Books – The secret art of book hacking” a New York, poi diventato la copertina de La magia dei libri (Editrice Bibliografica 2015).

Perdersi tra le sue visionarie illustrazioni (a partire da qui) è il primo passo. Il secondo è immaginarle appese al muro della propria stanza. Il terzo è scrivere ad Angelo per acquistarne una o più.

Per approfondire

- Il sito di Angelo è il punto di partenza perfetto per esplorare la sua opera.

- Book hacker dotato di grande generosità, Angelo ha condiviso qui alcuni dei suoi “libri manomessi”, da scaricare e montare seguendo le istruzioni fornite.

- Angelo racconta qui i retroscena del calendario 2017 di Internazionale, proponendo anche alcune immagini scartate.