Mariano Tomatis

Strane luci nel cielo

L’imbocco della Val di Susa è teatro di strane luci nel cielo sin dall’anno Mille. La Cronaca del monastero di San Michele della Chiusa dell’abate Guglielmo descrive la notte in cui

i vide un fuoco immenso a modo di grande colonna […] scendere dal cielo sul monte e, colle sue fiamme lampeggianti nell’aere sereno, lambire tutto intorno la cima.

Chronica monasterii Sancti Michaelis Clusini (XI sec.) in G. Schwartz e E. Abegg,
Monumenta Germaniae Historica, Rerum Scriptores XXX, 2, Hannover 1934, p. 963.

Il luogo fu scelto per erigervi la Sacra di San Michele e il monte battezzato Pirchiriano (“Fuoco di Dio”) a memoria di quella manifestazione celeste.

Gli UFO faranno la loro apparizione sul Musinè solo nel XX secolo; il primo disco volante di cui esista testimonianza viene avvistato il 12 luglio 1960 da una famiglia di Mathi (TO): il velivolo sorvola la croce sulla cima, illuminandola con un fascio di luce.

Lettera all’ufologo Arduino Albertini con schema dell’avvistamento in allegato, 13 luglio 1960 (Archivi Paolo Fiorino).

Il fenomeno finisce sui giornali nel 1964, quando La Gazzetta del Popolo fa riferimento a

ggetti luminosi [che] si vedrebbero con una certa frequenza nei pressi del monte Musinè. (1) 

La Gazzetta del Popolo, 9 ottobre 1964.

Sullo stesso giornale il 26 aprile 1965 Donata Gianeri scrive che è

enerale opinione [degli ufologi] che […] misteriosi ordigni atterrino, con i propri equipaggi, sul monte Musinè. (2) 

Donata Gianeri, “Passano le notti a spiare i marziani che atterrano volentieri sul Musinè”, La Gazzetta del Popolo, 26 aprile 1965.

Approfondimenti

• La Chronica monasterii Sancti Michaelis Clusini è stata trascritta nei Monumenta Germaniae Historica (leggi)

• Il frammento latino sulla strana luce sul monte Pirchiriano è riportato nel libro di Gustavo Avogadro di Valdengo, Storia della Abbazia di S. Michele della Chiusa, 1837 (vedi)

• La traduzione del frammento è riportata nel libro di Francesco Paoli La Sacra di S.Michele e i suoi sepolcri di principi di Savoia, 1868 (leggi)

• L’originale della prima testimonianza di un avvistamento UFO sul Musinè si trova oggi negli archivi di Paolo Fiorino (pagina 1 | pagina 2)

Note

1. “Vedono dischi volanti nel cielo della città”, La Gazzetta del Popolo, 9 ottobre 1964.
2. Donata Gianeri, “Passano le notti a spiare i marziani che atterrano volentieri sul Musinè”, La Gazzetta del Popolo, 26 aprile 1965.

Tutto il materiale di questo sito è distribuito con Licenza Creative Commons BY-NC-SA 4.0