Mariano Tomatis

Incantagioni. Storie di veggenti, sibille, sonnambule e altre fantasmagoriche liberazioni

Nero, Roma 2022

Negli spettacoli di illusionismo, le donne vengono segate, schiacciate, torturate tra gli applausi: il loro corpo è un oggetto passivo su cui infierire. Ma è così da sempre?

In cerca di scenari alternativi, Mariano Tomatis lo chiede a sei donne vissute tra Settecento e Ottocento. Incantagioni è la vera storia di sei veggenti che hanno trovato nel mentalismo e nella magia uno strumento di emancipazione. Sei artiste le cui vite rocambolesche hanno lasciato tracce sui giornali, sui manifesti e nelle cronache giudiziarie.

Incantagioni è il diario di viaggio di un illusionista alla ricerca di sei donne dimenticate, ribalde e sfacciate che hanno piegato il paranormale a proprio vantaggio. La sibilla moderna vende oracoli nella Torino di metà Ottocento. La cuoca necromante fa apparire i fantasmi davanti a re Carlo Alberto. La psiconauta di Lione accompagna nell’aldilà i massoni di fine Settecento. La piccola chiaroveggente di Montpellier legge con una benda sugli occhi. La sonnambula di Tolosa è applaudita nei teatri di tutta Europa per i suoi numeri di trasmissione del pensiero. La donna invisibile di Orléans si libera dal manicomio inventando una fake news che nel nostro secolo ispirerà i complotti di QAnon.

Incantagioni è la storia epica e gaglioffa di sei donne che hanno rifiutato di finire sotto la sega del mago, hanno ribaltato il tavolo e usato il potere della magia nell’ottica di un originale femminismo psichico.

Mariano Tomatis, Incantagioni. Storie di veggenti, sibille, sonnambule e altre fantasmagoriche liberazioni, Nero, Roma 2022, 252 pp., B&N (14×22 cm).

Il libro è disponibile · ACQUISTA

I due volumi

Il progetto Incantagioni si estende su due volumi.

• Il primo, edito da Nero Editions, è il diario di viaggio dell’autore attraverso le città e le vite delle sei veggenti, sibille e sonnambule protagoniste. Può essere acquistato in qualsiasi libreria o presso il sito dell’editore.

• Il secondo (Incantagioni. Il dossier), edito dal progetto Mesmer, è un’appendice che porta a 500 le pagine complessive del progetto. Il dossier integra il primo libro con l’indice dei nomi, un ricco apparato iconografico e una nutrita collezione di fonti primarie, articoli d’epoca e assolute rarità. Riccamente illustrato, si presenta come uno scrapbook dal gusto ottocentesco, un travelogue attraverso la storia del mentalismo, un bootleg che prolunga il piacere del primo volume ben oltre la sua ultima pagina. Può essere acquistato cliccando qui.

“Donne magiche e ribelli” – La segnalazione su L’essenziale, 4 giugno 2022

Sei storie di donne veggenti, maghe o incantatrici che hanno usato il mentalismo per emanciparsi da un controllo maschile pervasivo, nella società europea e in particolare nel mondo del paranormale. Incantagioni di Mariano Tomatis (Nero editions, 256 pagine, 20 euro) è un saggio che ragiona sul potere dell’incanto e a sua volta incanta, ma che racconta anche di diversità, oppressione, repressione e manicomi. “Affidando alla classe degli psicologi il monopolio della cura della psiche”, scrive Tomatis, “le società moderne mettono a profitto il disagio mentale, disconoscendo ogni altra forma di cura”. Nelle storie della Sibilla moderna o della donna invisibile (perché reclusa) si trova traccia di orrori figli del patriarcato ma anche di un’idea di ragione assoluta. (1) 

Nadia Terranova recensisce Incantagioni su La Stampa, 21 giugno 2022

Ogni libro ha in sé una spinta lucente che coincide con l’origine dell’idea e con la sua conclusione, con la sua motivazione intrinseca; qualche volta quell’idea viene dichiarata, qualche volta no, capita che finisca nel prologo o nell’epilogo oppure da nessuna parte, resta come una pagina mai scritta nella testa dell’autore e di quel libro, per lui, costituirà la sintesi. Nel caso di Incantagioni. Storie di veggenti, sibille, sonnambule e altre fantasmagoriche liberazioni di Mariano Tomatis, quella pagina coincide con la prima. (2)  (continua)

Luca Castelli recensisce Incantagioni su Il Corriere della Sera, 22 giugno 2022

Mariano Tomatis si autodefinisce «wonder injector», iniettore di meraviglie. Leggendo il suo ultimo libro si intuisce il perché. Incantagioni, che l’illusionista scrittore torinese presenta stasera alle 19 alla libreria Nora Book & Coffee, è un viaggio fantastico in universi reali, nel quale si intrecciano diversi piani di lettura. Il primo è recitato dal sottotitolo: «Storie di veggenti, sibille, sonnambule e altre fantasmagoriche liberazioni». Prendendo spunto da un crudele aneddoto rinvenuto su un libro francese di inizio Ottocento, in cui un ventriloquo si prende gioco di una contadina, con il risultato che lei viene malmenata dagli abitanti del paese mentre lui se ne va sghignazzando, Tomatis individua le esperienze liberatorie di sei donne che – attraverso la magia, la veggenza e l’inganno – attraversano e «incantano» l’Europa di quel secolo. (3)  (continua)

Gaia Tarini recensisce Incantagioni su Rivista Limina, 14 ottobre 2022

[...] Come testimonia la lingua incantata e incantevole di Tomatis, era durante quegli spettacoli strabilianti a base di magnetismo, fluidi e trucchi pirotecnici – sempre sottoposti al giudizio e al controllo degli ordini scientifici – che le donne potevano tentare di sovvertire l’ordine costituito; era proprio in quelle condizioni “alterate” che le moderne streghe di Incantagioni potevano sperare di rubare la scena ai loro mariti, ai loro padroni e carnefici, nonché occupare uno spazio fisico, esprimere le proprie idee e intraprendere battaglie cruciali sul piano civile e politico. (continua | cache)

Diletta Crudeli recensisce Incantagioni su L’Eco del nulla, 15 novembre 2022

[...] Attraverso rimandi, collegamenti e in alcuni casi persino eventi che sfiorano la serendipità, l’autore crea un quadro complessivo di ribellioni apparentemente piccole ma enormi, casi in cui davvero l’incantagione del titolo è avvenuta, un evento che l’autore riporta alla luce per dimostrarci come coltivare un nuovo punto di vista e sperare in un trucco, svelamento o gioco migliore, diverso rispetto alla prassi. (continua | cache)

Rosella Simonari recensisce Incantagioni sul blog Barricate di carta, 10 ottobre 2022

[...] Tomatis avrebbe potuto presentare le sei donne come delle truffatrici alla Wanna Marchi poiché spacciavano per reali i loro poteri da illusioniste. Ma non è questo il punto, e tra parentesi, anche una persona come Wanna Marchi può essere letta seguendo un filone più empatico, perché si può e si deve pure riflettere “sui fattori socio-culturali che spingono milioni di persone a rivolgersi a veggenti e sibille moderne” senza sempre condannare “ogni fuga nelle esperienze magiche”. (continua | cache)

Enrico Bettinello recensisce Incantagioni sulla propria pagina Facebook, 18 agosto 2022

Spiace che di questo libro si sia per ora parlato poco, perché si tratta di uno dei lavori più stimolanti, preziosi e originali usciti recentemente. “Storie di veggenti, sibille, sonnambule e altre fantasmagoriche liberazioni” recita il sottotitolo e chi lo legge può essere certamente colto dal dubbio che l’ambito si estenda dalla fesseria esoterica al pedante saggio accademico. Conviene fidarsi e abbandonare i preconcetti. Riprendendo un illustre precedente, l’imprescindibile La sonnambula meravigliosa dell’antropologa Chiara Gallini (che vi avevo segnalato un po’ di tempo fa), Mariano Tomatis, grande studioso di illusionismo e mentalismo, ci porta qui alla scoperta di sei figure femminili tra Seicento e Ottocento, sei donne che si esibivano – spesso senza nome – come veggenti, magnetizzate, necromanti, al seguito, con alterne fortune, di figure maschili a cavallo tra cialtroneria e pseudoscienza. (4)  (continua)

Beatrice Gardini recensisce Incantagioni sulla propria pagina Facebook, 22 agosto 2022

Innumerevoli sono i motivi per cui dedicarsi alla lettura di Incantagioni di Mariano Tomatis. La presentazione nel corso della festa di Radio Onda d’Urto me ne ha offerte ulteriori. “In bilico tra critica e incanto” (cit.) si snodano sei storie che narrano di altrettante donne che hanno fatto di inganni e sotterfugi una potente arma per ribellarsi alla loro condizione. Sei protagoniste che, in pieno Ottocento, sfruttano le loro doti per emergere dal margine in cui sarebbero state inevitabilmente collocate. (5)  (continua)

Le interviste radiofoniche

Riascolta il frammento della puntata di Sui generis di domenica 26 giugno 2022 durante la quale Elena Mordiglia ha intervistato l’autore Mariano Tomatis sul suo libro Incantagioni. L’intera puntata può essere riascoltata qui.

Riascolta il frammento della puntata di Tabula rasa di giovedì 30 giugno 2022 durante la quale è stato presentato il libro Incantagioni. L’intera puntata può essere riascoltata qui.

Riascolta il frammento della puntata di Wake Up di martedì 19 luglio 2022 durante la quale Maurizio Cimmino ha intervistato l’autore Mariano Tomatis sul suo libro Incantagioni.

Riascolta l’intervista di Loredana Lipperini a Mariano Tomatis sul libro Incantagioni andata in onda venerdì 29 luglio 2022 alle ore 16 nel corso della trasmissione di Rai Radio 3 Fahrenheit.

Otto brevi storie in anteprima

In vista della pubblicazione, il Blog of Wonders ha ospitato in anteprima otto brevi storie tratte dal libro Incantagioni:

Sei autrici per sei libri che hanno ispirato la scrittura di Incantagioni

Il Blog of Wonders ospita una miniserie in sei puntate dedicate ad altrettanti libri di autrici che hanno ispirato la scrittura del libro Incantagioni:

Le origini del titolo

Ho scelto la parola Incantagioni dopo averla trovata in un articolo del 6 giugno 1853 che recensiva in poche righe lo spettacolo di illusionismo di Levieux Galeuchet. Il mago del Levante:

La fama del 1853, Milano, 30.5.1853 e 6.6.1853.

Notevoli anche le espressioni gherminelle e fattucchierie. Per farsi un’idea della fama di Levieux Galeuchet basta leggere Il fischietto: durante la tappa torinese della sua tournée, era stato paragonato al Primo Ministro Camillo Benso di Cavour.

Il fischietto, 22.3.1853

La parola “incantagione” è già attestata nel Trecento: Giovanni Boccaccio la usa nel Decamerone:

Io farò stanotte insieme con Buffalmacco la ’ncantagione sopra le galle [pillole]. (6) 

Nello stesso secolo Francesco da Buti scrive nel suo commento alla Divina Commedia:

Sono da riprendere li sacrilegi e l’incantatori, li quali credono con loro incantagioni fare adoperare al demonio cosa che buona sia.

Nel 1687 Francesco Redi attribuisce a Galeno un libro intitolato Delle incantagioni (7) 

Nella Vita di San Girolamo la parola è usata al maschile:

Ma eziandio con suoi incantagioni gli uomini uccide.

È il Vocabolario degli Accademici della Crusca (1806) a documentare le varie occorrenze della parola:

Voce “incantagione” in Vocabolario degli Accademici della Crusca, 1806, p. 394.

Calendario delle presentazioni

Torino • 7 giugno 2022 Alle 18.30 Mariano Tomatis presenta il suo libro Incantagioni insieme a Ludovica Perina e Denise Casella alla Libreria del Golem in via Rossini 21/c a Torino (locandina | audio dell’evento).

Milano • 8 giugno 2022 Alle 18.30 Mariano Tomatis presenta il suo libro Incantagioni insieme a Laura Tripaldi presso la Cascina Autogestita Torchiera in piazzale Cimitero Maggiore 18 a Milano (locandina | audio dell’evento WARNING Tanti spoiler!).

Bologna • 9 giugno 2022 Alle 18.30 Mariano Tomatis presenta il suo libro Incantagioni insieme a Wu Ming 1 presso la libreria Modo Infoshop in via Mascarella 24/b a Bologna (locandina | audio dell’evento).

Roma • 10 giugno 2022 Alle 19.00 Mariano Tomatis presenta il suo libro Incantagioni insieme a Valentina Tanni presso il Teatro India in lungotevere Gassman 1/a a Roma (locandina | audio dell’evento WARNING Tanti spoiler!).

Torino • 25 giugno 2022 Alle 21 Mariano Tomatis presenta il suo libro Incantagioni insieme al divulgatore scientifico ed esploratore dell’insolito Massimo Polidoro presso il Circolo Amici della Magia in via Filippo Juvarra 13 a Torino (locandina | audio dell’evento).

Rio nell’Elba (LI) • 20 luglio 2022 Alle 21 Loredana Lipperini, Mariano Tomatis e Wu Ming 1, pungolati dal direttore artistico di Elba Book Festival Marco Belli, discutono di incanto, “disincanto” neoliberale, reincanto (e scorciatoie verso reincanti tossici), meraviglia, magia, fantasmi e molte altre cose, a partire dai loro libri più recenti; l’incontro Strategie del reincanto è parte dell’Elba Book Festival 2022 (audio dell’evento | post di Mariano Tomatis | post di Wu Ming).

Torino • 22 luglio 2022 Alle 19 Mariano Tomatis presenta il suo libro Incantagioni insieme all’autrice, attivista e punkastorie Filo Sottile presso Nora Book & Coffee in via delle Orfane 24/D a Torino. (locandina | audio dell’evento).

Brescia • 20 agosto 2022 Alle 19:30 Mariano Tomatis presenta il suo libro Incantagioni insieme all’autrice Pamela Cardinali e allo scrittore Franco Berteni presso lo spazio incontri della Libreria del Gatto nero nell’ambito della festa di Radio Onda d’Urto (area feste di via Serenissima, Brescia) (locandina | audio dell’evento).

Reggio Emilia • 11 settembre 2022 Alle ore 16 Mariano Tomatis presenta il suo libro Incantagioni con Wu Ming 2 presso Casa Bettola in via Bettola 6 a Reggio Emilia. Moderano l’incontro Stefano Roggiero e Roberto Cardarelli (locandina | audio dell’evento).

Milano • 4 ottobre 2022 Alle 21 Mariano Tomatis presenta il suo libro Incantagioni presso l’IBM Ring 223 in via Farsaglia 6, Milano (locandina | audio dell’evento).

Jesi (AN) • 16 ottobre 2022 Alle 19 Mariano Tomatis presenta con la scrittrice Rosella Simonari il suo libro Incantagioni nel Centro Sociale Autogestito TNT in via Gallodoro 68/ter, Jesi (locandina | audio dell’evento).

Bussoleno (TO) • 31 ottobre 2022 Alle 17.30 Mariano Tomatis presenta il suo libro Incantagioni con Annamaria Sarzotti presso la libreria La città del sole in via Walter Fontan 4 a Bussoleno (locandina | audio dell’evento WARNING Qualche spoiler!).

Pisogne (BS) • 18 novembre 2022 Alle 20.45 Mariano Tomatis presenta il suo libro Incantagioni con Andrea Musati e Filo Sottile presso la Biblioteca Comunale di via San Marco 4, Pisogne (BS) (locandina).

Ferrara • 22 novembre 2022 Alle 19 Mariano Tomatis presenta il suo libro Incantagioni con Mary Lo presso il Centro Sociale La Resistenza in via della Resistenza 32-34 a Ferrara (locandina).

Lione • 26 novembre 2022 Alle 15 Mariano Tomatis parlerà del suo libro Incantagioni al festival Hétéroclite presso la Salle Tony Garnier del Palais de la Bourse (2 arrondissement de Lyon) nell’ambito della tavola rotonda “Fééries & réenchantements: écologies queers, sororité & nouvelles formes de mobilisation” (locandina | testo dell’intervento).

Roma • 9 dicembre 2022 Alle 18 Mariano Tomatis presenta il suo libro Incantagioni con Federica Boldrini e Martina Piperno presso la Fondazione Ernesta Besso in largo di Torre Argentina 11 a Roma (locandina).

Roma • 10 dicembre 2022 Alle 16 Mariano Tomatis presenta il suo libro Incantagioni con Selene Pascarella nel corso della fiera Più libri più liberi presso la Nuvola di Roma in viale Asia 40 (sala Giove) (locandina).

Note

Tutto il materiale di questo sito è distribuito con Licenza Creative Commons BY-NC-SA 4.0